top of page
Picsart_23-09-14_09-31-26-480.png
InShot_20220301_173144045_edited.jpg

segui il portale
sui social network:

  • YouTube - Círculo Branco
  • Twitter - Círculo Branco
  • Instagram - White Circle

CERCA IL TUO
POST PREFERITo:

______________________

"Stiamo vivendo un sogno" (VOGUE - 07/2022)


Disclaimer: trascrizione e traduzione dell'articolo e dell'intervista realizzata da VOGUE MAGAZINE a Måneskin, pubblicata il 28 luglio 2022.
"È il mondo dei Måneskin, noi solo ci viviamo"

Anche se non hai familiarità con la sensazione musicale che sono i Måneskin, ci sono buone probabilità che tu sappia che Angelina Jolie e Shiloh Jolie-Pitt erano tra i 70.000 fan che si sono riversati per vedere la band suonare al Circo Massimo nella loro città natale, Roma, un poche settimane fa perché TikTok e i tabloid hanno avuto una giornata campale a riferirlo.


Se le presentazioni sono d'obbligo, i Måneskin (pronunciato Moan-eh-skin) sono un gruppo rock italiano con un moniker danese (che significa chiaro di luna), che è stato formato nel 2016 dalla bassista Victoria De Angelis (che è per metà danese, il che spiega il nome della band), il chitarrista Thomas Raggi, il cantante Damiano David e il batterista Ethan Torchio.


Il quartetto ha partecipato a un concorso locale per talenti e si è esibito a Roma prima di competere in Italia a The X-Factor nel 2017, dove è arrivato secondo. Tre anni dopo, hanno vinto il Festival di San Remo e l'Eurovision Song Contest, con un'esibizione esplosiva e glamour - piena di pelle melanzana allacciata, stivali con plateau, petto nudo e eyeliner pesante - che ha fatto crollare la casa. Era maggio 2021, il mondo stava uscendo da un anno di lockdown e il senso del divertimento della band era contagioso. Poco dopo, hanno ricevuto un invito ad aprire per i Rolling Stones a Los Angeles.


Sono tornati negli Stati Uniti questa settimana per un'esibizione sul Sirius Small Stage, ed è una fortuna che tutti i membri dei Måneskin abbiano raggiunto l'età legale per bere, perché hanno molto da festeggiare. Il suo singolo di successo, "Supermodel", prodotto dall'hitmaker svedese Max Martin, è attualmente il numero uno nelle radio alternative ed è sulla buona strada per diventare la canzone dell'estate. Inoltre, è stato appena annunciato che la band è candidata a due Video Music Awards (Best New Artist e Best Alternative Song). Tutto questo e un guardaroba Gucci realizzato dallo stesso Alessandro Michele.


La loro storia non è una cruda storia da ricchi a ricchi, anche se segue più o meno quella dell'apocrifo sogno americano, quello che tanti italiani hanno lasciato per inseguire negli Stati Uniti.


“Stiamo sicuramente vivendo il sogno”, ha ammesso il cantante David, durante una visita a Vogue con Gucci, “ma in modo diverso. Non ci sentiamo scoperti; scaviamo ogni centimetro di questo buco in cui ci troviamo. Abbiamo lavorato molto duramente per arrivare qui, quindi ovviamente siamo felici, ma d'altra parte, scusate se sono un po' presuntuoso, ma riteniamo che sia ben meritato".


Meritato, sì (la devozione della band per la loro arte è rivelata nel loro documentario del 2018) - ma anche apparentemente fuori dai giochi. Un gruppo glam punk rock italiano? Chi ci avrebbe pensato? L'Italia è conosciuta per molte cose – moda, arte, cibo e tessuti, tra queste – ma la cultura giovanile meno. E, almeno fuori dall'Italia, nessuno era conosciuto per il rock 'n' roll. Måneskin sorprende ad ogni svolta, sfidando le aspettative ancora e ancora. Che ti piaccia o no, la voce blues di David non può essere negata, né la pura gioia della band per quello che stanno facendo. In poco tempo, hanno manifestato i loro sogni da rock star, passando dall'interpretare un ruolo al possederlo.


A prima vista, ciò che contraddistingue maggiormente Måneskin come italiano è la sua gucciificazione. Ma in quasi tutti gli altri aspetti hanno cambiato la sceneggiatura. Gran parte di ciò che viene esportato dall'Italia riceve il tocco stereotipicamente nostalgico della “Dolce Vita” – è tutto Vacanze Romane, Sophia! Ginny! E il David di Michelangelo. Il punto di vista dei Måneskin è più globale ed è particolarmente ancorato a un suono di chitarra pesante degli anni '70 e allo stile dei rocker britannici e americani: mi vengono in mente David Bowie nei panni di Ziggy Stardust, Slade e i New York Dolls.


Sebbene i Måneskin canalizzino l'atmosfera di "sesso, droga e rock 'n' roll" che è stata sviluppata nei bar di immersione e nei dintorni grintosi del Lower East Side del centro di New York, i quattro hanno un atteggiamento più evoluto nei confronti della salute e del benessere. autoconservazione. Gli stimolanti artificiali non sembrano far parte dell'equazione, nonostante una tempesta in una teiera all'Eurovision. (È stata scattata una foto di David appoggiato a un tavolo per raccogliere un bicchiere rotto, e qualcuno ha suggerito che stesse sniffando cocaina. Non lo era, lo ha detto e si è offerto di fare un test antidroga, che lo ha confermato.)


Nonostante l'antieroina del suo successo estivo ("Supermodel"), Måneskin, che è stata costantemente in viaggio e sotto i riflettori, ha bisogno di una vacanza, non di riabilitazione.


La canzone, tra l'altro, non parla di una persona specifica, ma di una composizione di poser che la band ha incontrato durante il loro soggiorno a Los Angeles.


"Molte persone pensano che la canzone riguardi davvero una supermodel, ma non è così", sottolinea David. “Le supermodelle degli anni '90... sono super cool, super intelligenti, super motivate. Stavano vivendo questo stile di vita strano e folle, ma sembrava autentico e naturale [per loro]; la canzone parla di persone che fingono di essere top model. Abbiamo visto molte persone senza soldi, senza abilità, senza niente, fingere di avere soldi e capacità di networking, ed è stato molto divertente per noi. In effetti, stavano fingendo di essere top model.


Mentre eravamo sull'argomento, ho chiesto a ciascun membro di identificare il loro super preferito degli anni '90 nella vita reale. De Angelis, Raggi e Torchio sono tutti nel team di Kate Moss; La scelta di David è Carla Bruni.


La fama ora fa parte della vita di ogni Måneskin e mantenere una vita personale è una sfida, afferma David. C'è anche la questione del sostentamento della persona e della persona. La moda e l'eyeliner pesante sono parti importanti di quest'ultimo. Questo quartetto è un sogno febbrile in stile anni '70, con una preferenza per le camicie aperte che rivelano tatuaggi e pantaloni a zampa. Non evitano nemmeno un po' di BDSM nel loro guardaroba o nei loro testi: ascolta "I Wanna Be Your Slave" dal secondo album della band e il remake con l'icona di Me-Decade Iggy Pop come prova.


Per certi versi, la moda e la società di oggi sono molto vicine agli anni '70, un decennio definito, in parte, dalle lotte per la giustizia sociale, il femminismo e la liberazione sessuale.


“C'erano molti artisti nelle scene rock o punk che cercavano di infrangere la norma attraverso la loro musica; nello stile e nell'estetica erano molto rivoluzionari, anche per la società, non solo per la moda”, osserva De Angelis. "Sfortunatamente, allora devi ancora lottare per molti degli stessi argomenti, [loro] sono ancora reali adesso e devi ancora alzarti in piedi e parlare per loro."


Per tutti quelli della Gen Z, la band vuole comunicare un messaggio di libertà. Vogliono anche condividere la loro passione per il rock classico con i loro fan. Come disse David in un'intervista del 2017: "La nostra band è una traduzione della musica del passato nella modernità".

Considera la versione del successo di Elvis Presley del 1968 "If I Can Dream" che hanno fatto per il film di Baz Luhrmann, Elvis. La cover dei Måneskin della canzone "Beggin'" dei Four Tops del 1967 ha 1.086.877.863 ascolti su Spotify al 27 luglio 2022.


Le cover rimangono una parte importante delle loro esibizioni, anche quando la band scrive ed esegue lavori originali. È un approccio che si sincronizza con la sua missione di unire il vecchio e il nuovo e, nel contesto della sua educazione, sembra avere un'inclinazione particolarmente romana. In tutta la capitale, l'antichità dialoga con il presente. Allo stesso tempo, la nostalgia non è mai stata così forte nella cultura popolare, sia prima che oggi. De Angelis suggerisce che la sua forma di gioco rumorosa e rauca fosse l'antidoto post-lockdown di cui molti avevano bisogno. Inoltre, il suo sfarzo e il suo glamour parlano dell'evasione e dello spirito di festa che molti designer stanno ora esplorando.


Sebbene Måneskin promuova un messaggio di accettazione e lavori con un'estetica di genere fluida, il suo mondo contiene alcuni binari fondamentali: nuovo/vecchio, italiano/inglese, pubblico/privato. Il che mi riporta a quella divisione persona/persona. Per David, i due coesistono:


"Penso che risalga [all'idea che] due cose diverse possano vivere nello stesso momento ed essere ugualmente reali allo stesso modo, perché mi sento come se fossi una persona completamente diversa sul palco e fuori dal palco, ma non Non mi sento come se stessi fingendo qualcosa, in ogni situazione. È solo una parte di me che viene fuori. Quando sono fuori dal palco sono molto introverso e sul palco sono pazzo; sono solo due parti di me che sono ugualmente vere e reali, è solo il contesto che cambia".


La reazione di De Angelis è opposta a quella di David:

"Mi sento come se fossi sempre io, ma [sul palco] è il momento in cui sento di poter esprimere pienamente me stesso ed essere libero da ogni inibizione e godermi semplicemente il momento. A volte suoniamo davanti a 60.000 persone e tu pensi a quando hai suonato la stessa identica canzone per strada. È pazzesco vedere l'intero viaggio, e solo noi sappiamo tutte le cose che abbiamo passato, quindi è molto emozionante, e in quel momento ha davvero senso".


La risposta di Torchio è più misurata.

"Ci ho pensato molto, in realtà, e ancora non ho una risposta", spiega. “Ma probabilmente non si tratta di chi o cosa sono dentro o fuori dal palco; si tratta più di vivere il momento e ultimamente sto cercando di vivere nel presente…. Ovviamente sono sempre io sul palco, penso che il segreto sia vivere il momento”.


Da parte sua, Raggi va matto per i live.

"Penso che sia una delle cose più vere che puoi [sperimentare], specialmente per un artista", dice. “Puoi sentirti libero sul palco, ed è qualcosa di speciale perché non hai un filtro con il tuo pubblico, fondamentalmente è una connessione diretta, quindi è pazzesco. Per me è la cosa migliore. Rimarrò per sempre sul palco."



E forse lo farà; come ha annunciato vittoriosamente David all'Eurovision: Rock N'Roll never dies"


 


Traduzione al italino: Juliana Galvão | Portal Måneskin Brasil © 2022

Originale: Laird Borrelli-Persson | VOGUE © 2022



Tutti i diritti riservati a VOGUE Magazine

6 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page