top of page
Picsart_23-09-14_09-31-26-480.png
InShot_20220301_173144045_edited.jpg

segui il portale
sui social network:

  • YouTube - Círculo Branco
  • Twitter - Círculo Branco
  • Instagram - White Circle

CERCA IL TUO
POST PREFERITo:

______________________

Victoria de Angelis e Thomas Raggi sono presenti in Guitar World.



Nel numero di novembre della rivista americana Guitar World, i Måneskin sono presenti in copertina con la frase "Il mondo è impazzito per i Måneskin", oltre a un'intervista esclusiva con Thomas Raggi e Victoria de Angelis.


La rivista spiega parte della traiettoria della band e sottolinea la rarità di vedere un gruppo rock vicino alla Top 10 della Billboard Hot 100 - l'anno scorso, con Beggin', i Måneskin raggiunsero la 15esima posizione.


"Tutto ciò pone la domanda: come è riuscita una rock band italiana a fare ciò che nessun altro gruppo del loro paese aveva fatto prima? Secondo il chitarrista Thomas Raggi, che ha formato i Måneskin con la bassista Victoria De Angelis e il cantante Damiano David a Roma nel 2016, il piano è sempre stato lo stesso: non avere un piano".

Thomas: Non pensiamo troppo a quello che facciamo. Cerchiamo sempre di essere molto fedeli ai nostri istinti e facciamo solo ciò che ci piace. Penso che quando le persone ci hanno visto e sentito, si sono resi conto che eravamo solo noi stessi e ci divertivamo in quello che facevamo..


Victoria: Penso che altre band si sforzino troppo di fare quello che dice l'industria, ma i fan si rendono conto che è falso. Se provassimo a seguire quella strada, capirebbero subito che non siamo genuini. Non sarebbe soddisfacente fare ciò in cui non credi, quindi non lo facciamo.

Finora, i Måneskin hanno pubblicato due album completi, Il ballo della vita del 2018 e Teatro d'ira: Vol. I, che dimostrano la sua crescita artistica in rapida evoluzione in studio.


A complemento dell'ardente gamma di riff devastanti, ritmi vellutati e assoli chiari di Raggi (cita Jimmy Page, Slash, John Frusciante e Jimi Hendrix come maggiori influenze) c'è la potente sezione ritmica di De Angelis e del batterista Ethan Torchio (lei porta lo spirito punk, mentre Torchio, che si è unito poco dopo la formazione del gruppo, è il capo del jazz). Dal vivo, tuttavia, la band è già un gigante completamente formato. Lo spettacolo per loro è un'occasione per mettersi in mostra e, dal momento in cui salgono sul palco, esplodono, generando quel tipo di eccitazione cruda e viscerale che pochi gruppi possono eguagliare.


Certo, aiuta avere un frontman duro, e David, che è cresciuto studiando cantanti come Steven Tyler e Anthony Kiedis, è un pavone naturalmente appariscente a cui non piacciono le sottigliezze. Ai recenti Video Music Awards (durante i quali la band ha vinto il miglior video alternativo per "I Wanna Be Your Slave"), ha attraversato il palco con pantaloni senza schienale che non lasciavano nulla all'immaginazione. De Angelis ha anche attirato l'attenzione per un malfunzionamento del guardaroba che ha lasciato penzolare la parte superiore del suo capo. (Le telecamere di MTV si sono rapidamente allontanate, ma il momento ha fatto notizia il giorno successivo.)



Si potrebbe sostenere che Måneskin stia cinicamente sfruttando il suo sex appeal, ma Victoria De Angelis respinge l'idea.


Victoria: “Non riteniamo di doverci limitare in alcun modo. Ci sono band underground che dicono 'Non avrò un costume', e tutta quella roba, ed è fantastico. Ma questo non ci interessa. Ci piace indossare costumi e divertirci. Sappiamo di poter fornire la musica, quindi non siamo solo immagine. Ma per noi, guardare come facciamo è solo essere quello che siamo. È rock'n'roll".


Forse non c'è sigillo di approvazione più grande nei circoli rock di un invito ad aprire per i Rolling Stones, e alla fine dell'anno scorso Måneskin ha cancellato quell'elemento dalla sua lista dei desideri.


Victoria: Questo è pazzesco, vero? Siamo cresciuti suonando cover dei Rolling Stones. Sono uno dei motivi per cui abbiamo iniziato a farlo in primo luogo. Essere riconosciuto dalle leggende è stato molto gratificante. Immagino significhi che forse non siamo così male.


Thomas: Suonare di fronte al pubblico dei Rolling Stones è stata una grande sfida per noi. La folla è venuta per gli Stones, ovviamente, quindi abbiamo dovuto andare là fuori e convincerli. È stato un momento importante e penso che sia stato un traguardo per noi conquistare quel pubblico. È stato davvero, davvero bello.


Nessun'altra rock band italiana ha avuto tanto successo negli Stati Uniti. Vi sentite pionieri?


Victoria: [Ride] Ne siamo davvero orgogliosi perché è davvero la prima volta che un gruppo italiano [ha] tanto successo fuori dall'Italia. Ma sai, non stiamo davvero facendo la tipica musica italiana, quindi sentiamo di poter aggiungere un nuovo tono a come viene percepita l'Italia.


Thomas: Quello che penso sia bello è come possiamo mostrare agli italiani che anche loro hanno la possibilità di farlo. I giovani in particolare possono prendere in mano uno strumento e dire: "Ok, i Måneskin sono venuti in America in grande stile. Forse posso farcela".


Musicalmente, la tua band ha un suono molto potente e schiacciante.

Quanti pensieri e discussioni ci sono voluti per arrivare a quel suono?


Thomas: In parte, ovviamente. Ci piace avere quel suono grande e schiacciante. Ovviamente, dato che siamo tre musicisti – la batteria e due strumenti melodici – è più facile per ognuno di noi distinguersi. Qualunque cosa tu suoni, la gente la sentirà molto chiaramente.


Victoria: Alcuni di loro sono parlati, ma molti ancora non lo sono. Ma se una persona cambia qualcosa, può influenzare l'intera band. Se acquisti un nuovo pedale o qualcosa del genere, potrebbe cambiare il modo in cui scrivi. Penso che sia davvero bello, dopotutto, come una persona possa avere un impatto così grande. Se fossimo, non so, sei o sette membri, potremmo davvero farlo? Ci influenziamo a vicenda e sperimentiamo. Il nostro suono è il risultato di un lungo processo di sperimentazione.


Thomas: Ognuno di noi ha un diverso background musicale, ma insieme siamo una buona coppia. Come Ethan, ama il jazz, il soul classico e le cose sperimentali, ed è davvero fantastico quando suona musica più rock. Quindi metti un po' di rap e qualsiasi altra cosa vogliamo fare, e all'improvviso c'è un suono crossover.


Thomas, chi ha davvero suscitato il tuo interesse per la chitarra?


Thomas: Ero molto hard rock – Guns N' Roses, Led Zeppelin. Mi piacevano Slash e Jimmy Page, ma amavo anche Jimi Hendrix. Il modo in cui ha composto le canzoni è stato assolutamente sorprendente. Una delle mie più grandi influenze è John Frusciante dei Red Hot Chili Peppers. Ho prestato molta attenzione al modo in cui suonava il ritmo e guidava con così tanto sentimento e creatività. È incredibile. Mi piace molto anche Joe Bonamassa, ma il suo stile è molto diverso da qualsiasi cosa io faccia.


Hai citato Frusciante. Lo sento nel modo in cui suoni gli arpeggi, ma anche, come hai detto, nel modo in cui passi dal ritmo all'assolo.


Thomas: Esatto, sì. Quando sei l'unico chitarrista, hai molte responsabilità perché è lo strumento più armonico della band. Devi costruire canzoni e tenere insieme la canzone, ma devi anche inserire riempimenti, fraseggi e assoli. È un ruolo importante. Qualcuno come Frusciante mi ha dato molte idee su come avrei gestito il mio lavoro come unico chitarrista in una band. Come solista, come ho detto, ci sono Slash, Hendrix e Jimmy Page. Li ho ascoltati un po' tutti.


Voi due eravate molto giovani quando avete formato i Måneskin. Victoria, hai detto che hai suonato in gruppi precedenti. Pensavi che qualcuno di questi gruppi avesse avuto la possibilità di realizzare qualcosa del genere?


Victoria: Non. Siamo stati in un sacco di brutte band prima di questa. Band davvero brutte.


Parliamo dei tuoi strumenti. Victoria, vedo che ti piace il basso Danelectro Longhorn. Perché hai gravitato verso questo modello?


Victoria: Beh, all'inizio suonavo un Fender P-Bass, che era davvero divertente, ma era troppo pesante per me. Volevo un basso a scala corta, quindi ho comprato un Fender Mustang. Era buono, ma non aveva la fascia bassa che stavo cercando. Poi mi è capitato di vedere il Danelectro Longhorn su una pagina di strumenti usati. Era davvero economico, così ho pensato, 'Okay, proverò questo.' All'inizio, non pensavo fosse buono e ho pensato: 'Come vuoi. Lo porterò alle prove. Così ho iniziato a suonare con la band ed ero tipo, 'Fanculo, è davvero bello!' È così che è iniziato tutto. Mi è piaciuto molto il tono e la sensazione. Non molti bassisti lo usano, quindi mi piace come è un po' unico.


Ora, Thomas, suoni alcune chitarre diverse, ma la principale sembra essere la Fender Relic Strat del '63.


Thomas: Io uso quella, ma ad essere onesti, la mia chitarra principale è una Squier, non una Stratocaster. È uno dei più antichi del Giappone. Prima suonavo solo con una Fender Strat. Per me una Stratocaster è come uno strumento completo. Adoro come puoi suonare funk, rock e metal con una Stratocaster. È anche uno strumento molto comodo, il che è fantastico. Ho sperimentato con altri tipi di chitarre. In effetti, un giorno voglio giocare con un Danelectro perché non ne ho mai usato uno prima. Sarebbe bello.


Tocchiamo alcune delle loro canzoni. Zitti e buoni ha un riff da urlo. Sento un po' di Jimmy Page lì, ma per me è tutto Hendrix e Purple Haze.


Thomas: Si è vero. Come ho detto, prendo molta ispirazione da Jimi Hendrix. Purple Haze, Foxey Lady: non pensavo specificamente a cose del genere, ma Hendrix mi viene molto naturale. Mi piace molto la sua musica.


Victoria, in molte canzoni, in particolare Supermodel, il suono del basso domina davvero le strofe.


Victoria: Sì. A Thomas e a me piace molto mescolare le cose. A volte sarà più avanti con la chitarra, altre volte il basso sarà più dominante. Dipende solo dal processo di scrittura delle canzoni e da chi esce con il riff. Non vuoi sempre sentire un suono tutt'intorno. Questo è qualcosa che abbiamo trovato impegnativo: trovare i momenti giusti per far risaltare la chitarra e altre volte in cui il suono di Thomas rimarrà un po' indietro. Non vogliamo che sembri noioso.


Avete una canzone chiamata Make You Feel nel nuovo album, in cui voi due vi unite per un suono forte, forte. Ricorda un po' le White Stripes.


Victoria: Oh certo. Adoriamo le White Stripes, ovviamente. Jack White è fottutamente bravo. È uno dei migliori chitarristi di tutti i tempi per il modo in cui sperimenta suoni ed effetti. In effetti, direi che assomiglia ai Royal Blood: hanno quel suono grande e denso. Ci piace cercare di avere uno strumento melodico che porti tutto, a volte la chitarra e poi il basso. Dà più energia al suono.”


Thomas: Questo è ciò che trovo così stimolante, come possiamo sostenere il suono della band con queste parti molto semplici ma creative. Siamo entrambi molto flessibili in questo senso.


Thomas, c'è una canzone nell'album intitolata Time Zone in cui suoni degli arpeggi davvero belli e puliti, ma alla fine fai questo folle assolo.


Thomas: Oh grazie amico. Grazie mille. Sì, quando faccio un assolo, mi piace farlo.



(...)



I loro album sono andati bene, ma la band ha davvero sfondato con i singoli. Questo ti crea pressione per assicurarti davvero che il tuo prossimo album sia solido come i tuoi singoli?


Thomas: In un certo senso, perché penso che le persone abbiano davvero bisogno di ascoltare l'intera storia su di noi.


Victoria: Stiamo cercando di non sentire troppa pressione, ma ovviamente vogliamo fare qualcosa di buono. L'industria funziona come funziona, e va bene così. Siamo felici di fare singoli, ma il nostro prossimo album è come una grande immagine di chi siamo. Vogliamo darvi gusti diversi e non solo fare "le cose più popolari". Vorremmo sperimentare di più.


L'anno scorso avete viaggiato molto negli Stati Uniti. Quali sono le tue impressioni?


Thomas: Oh, è piuttosto bello! [Ride] È bello vedere come le persone ci hanno accettato. È molto difficile per una band come la nostra raggiungere così tante persone in America. Ci sono così tanti artisti straordinari in America, a New York, Los Angeles e dappertutto. Se vieni dall'America e vieni in Italia è una cosa, ma fare il contrario è un'altra. È pazzesco. Nel complesso, siamo molto contenti di quanto sta accadendo


 

Testo: Joe Bosso © Guitar World | 01 de Dezembro de 2022

Traduzione: Juliana Galvão | Portal Måneskin Brasil


La traduzione effettuata in questa pubblicazione non ha lo scopo di violare i diritti d'autore dell'autore o della casa editrice, ma di far conoscere il contenuto in un'altra lingua - di un pubblico limitato rispetto alla prima, sicché tale pubblicazione che non sostituisce o offendere il contenuto originale. Per la rimozione pacifica, vi preghiamo di contattarci via e-mail (portalmaneskin@gmail.com) o attraverso i social network.

438 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page