top of page
Picsart_23-09-14_09-31-26-480.png
InShot_20220301_173144045_edited.jpg

segui il portale
sui social network:

  • YouTube - Círculo Branco
  • Twitter - Círculo Branco
  • Instagram - White Circle

CERCA IL TUO
POST PREFERITo:

______________________

ANALISI | VENT'ANNI

Ben tornati!


Iniziamo oggi il nostro viaggio attraverso Teatro D'Ira - Vol. Io, questo album molto significativo e profondo, con il suo primo singolo: VENT'ANNI.


Videoclip ufficiale:

 

ANALISI - VENT'ANNI


Il nostro inno giovanile è anche un video musicale segnato dal colore: le scene in bianco e nero rivelano paure e insicurezze, soprattutto all'inizio della canzone, e sono intervallate da scene colorate - divertenti, che mostrano amicizia e compagnia, libera e all'aperto.


Damiano parla della scrittura:

"A 20 anni gli errori si fanno con una facilità assurda. Ho scritto quello che io stesso vorrei sentire da qualcuno più maturo, ora che ne ho 20".

Si può quindi dire che VENT'ANNI è una conversazione schietta e sincera tra Damiano, un giovane di 20 anni, e il suo alter ego più anziano e, in questo modo, possiamo interpretare ogni verso scritto da uno di loro:


Io c'ho vent'anni

Perciò non ti stupire se dal niente faccio drammi

Ho paura di lasciare al mondo soltanto denaro

Che il mio nome scompaia tra quelli di tutti gli altri


Ma c'ho solo vent'anni

E già chiedo perdono per gli sbagli che ho commesso

Ma la strada è più dura quando stai puntando al cielo

Quindi scegli le cose che son davvero importanti

Scegli amore o diamanti, demoni o santi


In questa strofa iniziale della canzone vengono presentate le insicurezze e l'ansia di un giovane con lo scopo di fare qualcosa di più grande di se stesso: "Ho 20 anni, perciò non ti stupire se dal niente faccio drammi. Ho paura di lasciare solo soldi al mondo soltanto denaro, che il mio nome scompaia tra quelli di tutti gli altri".


Nella strofa successiva, cerca di non sforzarsi così tanto notando la pressione che la società esercita su di lui: "Ma c' ho solo 20 anni e mi già chiedo perdono per gli sbagli che ho commesso. Ma la strada è più dura quando stai puntando il cielo. Quindi scegli le cose che sono veramente importanti."


 

E sarai pronto per lottare, oppure andrai via

E darai la colpa agli altri o la colpa sarà tua

Correrai diretto al sole oppure verso il buio

Sarai pronto per lottare, per cercare sempre la libertà


Nel ponte della canzone tra l'inizio e il ritornello, l'alter ego risponde a quello principale, dando più domande che risposte: allora, cosa farai adesso? - "Sarai pronto per lottare, oppure andrai via? E darai la colpa agli altri, o sarà colpa tua? Correrai diretto al sole oppure verso il buio?". E lui risponde: "Sarà pronto a lottare, per cercare sempre la libertà".

 

E andare un passo più avanti, essere sempre vero

Spiegare cos'è il colore a chi vede bianco e nero

E andare un passo più avanti, essere sempre vero

E prometti domani a tutti parlerai di me

E anche se ho solo vent'anni dovrò correre


Il ritornello porta il messaggio positivo e pieno di speranza della canzone, dove la prima persona nella conversazione inizia a spiegare la sua visione del mondo: "Andare un passo più avanti, essere sempre vero, spiegare cosa è il colore a chi vede bianco e nero "


Da quel momento in poi, il video musicale prende una direzione diversa e cessa di intervallare solo bianco e nero e colore all'aperto.


Io c'ho vent'anni

E non mi frega un cazzo, c'ho zero da dimostrarvi

Non sono come voi che date l'anima al denaro

Dagli occhi di chi è puro siete soltanto codardi


La narrazione continua in prima persona, spiegando la differenza tra il suo mondo ideale e il mondo reale: le persone sono intimorite dall'avidità.


In questa parte, il video musicale assume una nuova direzione: i membri della band appaiono separatamente davanti agli specchi e suonano senza vestiti sulla parte superiore del corpo, rappresentando la libertà. Sopra gli specchi, quelle che sembrano scene casuali sono le immagini che loro e le altre persone hanno di loro quattro: Ethan che si trascina sul pavimento, confuso, Damiano che si bacia nello specchio, ma alla fine tutti sono visti come pazzi.


Prima di tornare al ritornello, riceviamo un invito a far parte della visione che la parte principale presenta, con l'appello di Thomas al colore:


"E andare un passo più avanti, essere sempre vero

Spiegare cos'è il colore a chi vede bianco e nero

E andare un passo più avanti, essere sempre vero"

 

Alla fine della canzone, l'alter ego torna a dire alla sua versione più giovane:


"C'hai vent'anni

Ti sto scrivendo adesso prima che sia troppo tardi

E farà male il dubbio di non essere nessuno

Sarai qualcuno se resterai diverso dagli altri

Ma c'hai solo vent'anni"



In questa parte è la fine del dialogo - così come della musica - e ha diversi tipi di interpretazioni, poiché ognuna corrisponde alla sua realtà.


"Você tem 20 anos.

Estou te escrevendo agora antes que seja tarde demais.

E irá doer a dúvida de ser ou não alguém.

Você será alguém se for diferente dos outros, mas só tem 20 anos".


L'albero - che molti hanno interpretato come l'albero che rappresenta la giovinezza ei suoi sogni abbattuti dalla società, o addirittura l'albero della vita - è completamente secco e apparentemente privo di vita. I quattro giovani sono l'unica cosa che colora il posto.


Poetico, no?

Non c'è da stupirsi che "VENT'ANNI" entri nel cuore dei fan fin dal primo momento, tutti si sentono in qualche modo identificati.

 

BACKSTAGE - VENT'ANNI



 

Fine del post!

Alla prossima, con un'analisi del grande campione del Festival di Sanremo e dell'Eurovision Song Contest 2021: ZITTI E BUONI, secondo singolo estratto dall'album.





334 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page