top of page
Picsart_23-09-14_09-31-26-480.png
InShot_20220301_173144045_edited.jpg

segui il portale
sui social network:

  • YouTube - Círculo Branco
  • Twitter - Círculo Branco
  • Instagram - White Circle

CERCA IL TUO
POST PREFERITo:

______________________

ANALISI | Torna a casa

Benvenuti nel secondo post della nostra rubrica dedicata all'analisi dei singoli dei Måneskin!

Mentre seguiremo la linea temporale, "Torna a Casa" sarà la nostra seconda recensione, oltre ad essere il secondo singolo dei Måneskin dopo The X-Factor.


Avanti!


Videoclip ufficiale:


 

Prima di iniziare effettivamente, è sempre bene ricordare che anche la più malinconica delle canzoni può rivelarsi piena di significato. Questa traccia può essere interpretata in modo romantico? sì, ma va oltre.

"Torna a casa" è una canzone da ascoltare ad occhi chiusi e mente aperta.

Il video musicale inizia con tutte le persone coinvolte confuse e perse, senza sapere se saranno accolte dove si trovano, alla ricerca di qualcosa, proprio come nel testo della canzone.


Nel corso del videoclip vediamo due ragazze: una è debole e non riesce ad alzarsi, e l'altra la controlla come un burattino. Subito dopo, il primo riesce ad alzarsi e ballare, controllato invisibilmente dall'altro, che poco dopo si unisce al primo per ballare insieme.

Le due ballerine iniziano a ballare al centro della sala, tra gli strumenti, mentre la banda suona 'Torna a casa'.


La canzone parla di una separazione: è lo sfogo di un uomo che ha perso la sua musa ispiratrice. Tuttavia, ascolterà le sue grida e tornerà da lui.

L'intero video musicale ha un'estetica chiara, con opere rinascimentali sullo sfondo. Tranne quando la canzone raggiunge il tono del lamento, che è la prima volta che vediamo colori scuri (blu e rosso) nella composizione del video musicale:


Prima di te ero solo un pazzo, ora lascia che ti racconti

Avevo una giacca sgualcita e portavo tagli sui polsi Oggi mi sento benedetto e non trovo niente da aggiungere

Questa città si affaccerà quando ci vedrà giungere

Ero in bilico tra l'essere vittima, essere giudice

Era un brivido che porta la luce dentro le tenebre E ti libera da queste catene splendenti, lucide Ed il dubbio o no, se fossero morti oppure rinascite


Con o senza riferimento a Marlena in questa strofa, lei rimane la protagonista della canzone, che è nel ritornello: quindi Marlena torna la casa...


Ancora una volta, abbiamo la presenza di Marlena, musa e protagonista de 'Il Ballo Della Vita', che porta il messaggio principale della band: libertà ed essenza.


"Marlena siamo noi, i Måneskin, è il nostro messaggio di libertà, di vita. Marlena è la natura del gruppo, la personificazione della nostra libertà, creatività, vita.

E poi, puoi già avere una nuova visione di 'Torna a casa', no?

Se Marlena è la personificazione della libertà, della creatività e della vita dei Måneskin, il messaggio è passato con successo: vogliamo raggiungere la libertà, vogliamo averla con noi, perché è ciò che ci muove.


Curiosità: alcuni ritengono che 'Torna a casa' abbia diversi collegamenti con il romanzo "Marlena" (Julie Buntin, 2017), anche se nessuna ispirazione nel libro è mai stata confermata. (guarda qui l'articolo, ne vale la pena)


 

'Torna a casa' in acustico:


Il secondo brano scelto per la performance acustica di VEVO (ne avevamo già parlato nella nostra recensione di 'Morirò da Re') è stato Torna a casa!



 

Fine del post!

Grazie mille per aver letto fino a qui, assicurati di lasciare anche i tuoi pensieri nei commenti.


Alla prossima recensione! ♥


1.674 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page