top of page
Picsart_23-09-14_09-31-26-480.png
InShot_20220301_173144045_edited.jpg

segui il portale
sui social network:

  • YouTube - Círculo Branco
  • Twitter - Círculo Branco
  • Instagram - White Circle

CERCA IL TUO
POST PREFERITo:

______________________

Måneskin: non tutti sono capaci di vivere questo tipo di vita (02/2022)


Disclaimer: trascrizione e traduzione dell'articolo e dell'intervista fatta da KERRANG a Måneskin, pubblicata il 4 febbraio 2022.

Måneskin: "Bisogna essere mentalmente preparati... non tutti sono capaci di vivere questo tipo di vita".


Nel 2021, i Måneskin hanno vinto l'Eurovision, conquistato l'America e hanno avuto più stream in un mese di Metallica, Bring Me The Horizon e Biffy Clyro messi insieme. Saluta le stelle nascenti del rock'n'roll italiano mentre si preparano a dominare il 2022.


Intervista con i Måneskin:


L'Eurovision ha numerose superstizioni e maledizioni.

“La maledizione del numero due” è così chiamata perché nessun paese che ha giocato secondo nella classifica delle prestazioni ha mai vinto la competizione.

Si dice che gli artisti che usano il colore verde siano destinati al fallimento.

Gli artisti che rappresentano una nazione che ha ospitato l'evento l'anno prima si comportano invariabilmente male con i giudici. Anche il numero 43 è considerato sfortunato.


La cosa più pericolosa di tutte, ovviamente, è la minaccia sempre presente che un gruppo si presenterà e

non se ne sentirà mai più parlare. Molto più rara è la possibilità che qualcuno che

esibirsi nello show raggiungere la celebrità globale. Ma vincendo l'Eurovision 2021 con

un'esibizione di Zitti e Buoni all'Ahoy Arena, assistita da un pubblico televisivo di 183 milioni di persone, il quartetto italiano Måneskin ha fatto proprio questo. Nei mesi che seguirono, i suoi piedi toccarono appena il suolo.


"Penso che negli ultimi sei mesi siamo stati in 15 o 20 paesi", dice Damiano David, il cantante del gruppo, un bel bottino nel bel mezzo di una pandemia planetaria. "Siamo stati a

praticamente tutta l'Europa e gli Stati Uniti. È fantastico aver avuto l'opportunità di viaggiare e

visitare nuove città in cui non avremmo avuto l'opportunità di andare. È anche bello ricevere feedback da persone e culture diverse e interagire con tutte quelle persone. È molto stimolante ed è davvero fantastico".


"È stato grandioso", continua la bassista Victoria De Angelis. "È come un sogno che si avvera

la realtà. È qualcosa che desideravamo da molti anni e vederlo accadere in così poco tempo lo è incredibile. È come se non potessimo decidere se è vero o no. A volte è difficile dire cosa sta realmente accadendo".


Bene, ecco cosa sta succedendo:

Attualmente i Måneskin attirano 38 milioni di ascolti mensili su Spotify, un numero che li colloca nella Top 40 degli artisti più diffusi al mondo. Per chi cerca un contesto, nello stesso periodo i Metallica avevano poco meno di 18 milioni di ascolti. Eroi oscuri come David Bowie (15,5 milioni), The Rolling Stones (21 milioni) e The Beatles (25 milioni) stanno tutti mangiando polvere italiana. La loro etichetta dice che l'ultima artista che hanno visto crescere in questo modo è stata Katy Perry.


"Vedere i nostri numeri crescere così tanto in così poco tempo è pazzesco", ammette Victoria.

"Soprattutto se si tiene conto del tipo di musica che suoniamo, considerando questo

alcune delle canzoni sono in italiano. I numeri sono pazzi e noi siamo così grati

Ecco perché".


I Måneskin — la cui formazione è completata dal batterista Ethan Torchio e dal chitarrista Thomas Raggi — passano così tanto tempo a esprimere gratitudine che a volte può sembrare che la nostra intervista sia con una troupe di presentatori televisivi per bambini. Un simpatico gruppo di giovani, il gruppo formatosi da adolescenti a Roma nel 2015; quando hanno vinto l'Eurovision avevano già pubblicato due album (Zitti e Buoni è il brano di apertura del loro secondo LP, Teatro d'ira: Vol. I, uscito a marzo).


L'Eurovision non è stato nemmeno il primo concorso televisivo a cui il quartetto ha preso parte; suonando cover di brani di The Killers e Franz Ferdinand, nel 2017 sono arrivati ​​secondi nell'edizione italiana di The X Factor.

Con questo successo, il primo tour europeo del quartetto è stato visto da oltre 140.000 persone. Anche così, è stata la notte a Rotterdam a dare davvero fuoco alle cose.


In un freddo sabato mattina tramite Zoom, Måneskin parla (allegramente) di non aver avuto quasi tempo per passeggiare e vedere la città in quella che è la sua prima visita a New York. Chissà, dicono, forse più tardi avranno l'occasione di fare una passeggiata per Central Park. Poche sere prima, il gruppo è apparso in The Tonight Show Starring Jimmy Fallon; quattro sere dopo, saranno ospiti dell'Ellen Show di Los Angeles.


Dopo i concerti da headliner al Bowery Ballroom di New York e al The Roxy di LA, il 6 novembre gli italiani sono saliti sul palco dell'Allegiant Stadium di Las Vegas come ospiti speciali dei Rolling Stones. Per un gruppo la cui età media è di soli 21 anni, il cambiamento di circostanze è certamente sorprendente. Come per tutto il resto, può essere così sorprendente che una band venga pagata di più quando si aspettava di essere pagata di meno.


"Certo che ne siamo consapevoli", dice Damiano. "Siamo consapevoli che è difficile e che devi essere mentalmente preparato e mentalmente forte, e non tutti sono in grado di vivere questo tipo di vita. Ma direi che siamo [capaci] perché ci stiamo preparando da cinque anni . eravamo molto giovani. Ci conosciamo molto bene. Conosciamo le parti migliori di noi. Siamo in grado di aiutarci a vicenda ogni volta che qualcosa sembra troppo pesante o troppo stressante o qualsiasi altra cosa. Sento che devi essere in grado di capisci i tuoi confini e stabilisci dei limiti quando hai bisogno di riposare e sparire per un po' e concentrarti sulla tua vita personale".



Quindi quando è la prossima volta che potranno riposare?

"Forse in estate", dice Victoria.


La prima volta che i Måneskin - la parola danese confusa per chiaro di luna - sono apparsi a Londra è stato per un appuntamento nel piccolo club di Oslo a Hackney nel febbraio 2019.


Prima di suonare un breve set per un piccolo pubblico composto principalmente da espatriati italiani, tre quarti della band passavano il tempo a fumare sigarette nel piccolo bagno accanto al loro camerino. Quello che non sapevano era che un aspiratore dirigeva il fumo direttamente dove le persone si riunivano per vederli giocare. Se non fosse stato per aver bussato alla porta di un agente sanitario ambientale in uniforme, forse non avrebbero mai saputo nulla. Oggi nessuno nel gruppo ricorda se la multa di 2.000 sterline ricevuta per aver fumato in un luogo pubblico superasse i soldi guadagnati suonando al concerto.


"Penso che il pubblico fosse di circa 500 persone", dice Victoria.


"No", dice Damiano, "era meno di così".


"600 persone?" chiede Victoria.


In effetti sono stati venduti 350 biglietti, ma poco importa.

Come in altre parti del mondo, nel Regno Unito, la stella di Måneskin è in aumento. E per quanto riguarda i nuovi sostenitori che si stanno rapidamente affollando, cosa possono aspettarsi quando la band tornerà nel nostro territorio? Gli indizi si traggono dal trionfo di Rotterdam.


Indipendentemente dal percorso non convenzionale che hanno intrapreso alla ricerca del successo nel mondo del rock, erano e sono, alla radice, una band che fa affidamento sulla loro presenza e sulla loro musica come il mezzo più sicuro per avere un impatto.


"Abbiamo uno spettacolo molto crudo", spiega Damiano. "Cerchiamo solo di mantenere l'attenzione sulla musica e su noi stessi. In realtà non usiamo molti effetti o pirotecnici. La cosa principale per noi è interagire con il pubblico. È davvero dura e cerchiamo di usare tutta l'energia che possibile ma non usiamo troppa produzione".


Che in realtà è abbastanza coraggioso.

Nella musica popolare, le cose che salgono possono spesso tornare indietro.

Le cose che salgono velocemente come i Måneskin possono cadere ancora più velocemente.

Per quanto vasta sia la vetrina di un negozio come Eurovision, la band non ha dubbi sul fatto che l'evento non sia il mezzo più credibile, o anche più affidabile, per attirare un pubblico.


Ma come dice Damiano, anche se il quartetto non ha visto l'evento come "serio", si è concentrato su "cosa potevamo portare alla competizione, piuttosto che su cosa fosse la competizione stessa, era seria". E quello che hanno inventato è stata una canzone vincitrice di un album infallibile che smentisce la relativa inesperienza dei suoi autori.


Non lasciarti ingannare dalla confezione e dallo sfarzo della stravaganza di maggio.

A lungo termine, i successi e gli insuccessi dei Måneskin non saranno definiti da un'apparizione di quattro minuti in uno spettacolo televisivo dal vivo. Non sarebbero mai stati una band composta da una sola canzone.


"No, non eravamo davvero preoccupati per questo", concorda Victoria. "Il motivo per cui questo accade a molti artisti è perché vanno [all'Eurovision] e c'è solo quella canzone che eseguono e non hanno davvero una visione molto più ampia di ciò che vogliono fare. Se le persone vorrebbero la nostra esposizione lì, allora sarebbero in grado di approfondire chi siamo. Ecco cosa è successo. Quindi, se pensano che le persone si dimentichino dopo poche settimane, è perché non hanno abbastanza materiale per continuare a interessarsi loro."


A giudicare da quanto lontano sono già andati e da quanto lontano sono arrivati ​​da quel trampolino di lancio, i Måneskin non avranno tali preoccupazioni tanto presto.


 

Traduzione al portoghese: Bruna Brito | Portal Måneskin Brasil © 2022

Traduzione al italiano: Juliana Galvão | Portal Måneskin Brasil © 2022

Original: Ian Winwood | Kerrang © 2022



Tutti i diritti riservati a Kerrang

2 visualizzazioni0 commenti

댓글


bottom of page